Si è spenta all’Eur il 20 ottobre la scrittrice Maria Luigia Valenti Ronco

Roma - Si è spenta all’Eur il 20 ottobre la scrittrice, insegnante, sceneggiatrice, poetessa Maria Luigia Valenti Ronco (Arezzo, 11/11/1926).

Prima donna vincitrice del Premio Giornalistico Internazionale Città di Roma (edizione 1982) che le era stato consegnato dal Presidente Sandro Pertini e dal Premier Spadolini, ha pubblicato per diverse Case editrici come Giunti, De Agostini, La Scuola, San Paolo. È nota soprattutto come  scrittrice per l’infanzia ma anche come autorevole autrice di numerosi programmi radiofonici per i più giovani e a carattere religioso (Radio RAI, Radio Vaticana).

Ha sviluppato con sensibilità e profondità le tematiche dell'infanzia e dell'adolescenza ed aveva collaborato alle pagine culturali di diverse riviste di settore (LG Argomenti, Bimbo Sapiens....) ma anche di importanti quotidiani nazionali. A 16 anni, durante l’ultima guerra, insegnava già nelle scuole elementari del Ponente ligure dove negli anni è stata anche apprezzata docente di recitazione.

Fra le sue opere più note: Il vagabondo e la barchetta di carta e altri racconti (Capobianco, Roma,1993), Alla stazione di Omsk (De Agostini, 1995), Fiabe e leggende giapponesi (Giunti, Firenze 1998), Il mistero degli angeli (Libreria Editrice Vaticana, 2000), Le donne della lampada: viaggio nel femminismo evangelico (Edizioni Pro Sanctitate, 2004), Francesca Romana. La santa della solidarietà e della speranza (San Paolo Edizioni, 2005), Come stelle nel cielo. Martiri, santi, beati, mistici nell'universo cristiano (Edizioni Pro Sanctitate, 2009). Nel 2010 ha vinto a Pontremoli (Parma) il Primo Premio Bancarellino per il suo romanzo autobiografico Il Pianoforte di Mara (La Scuola), dedicato all’amica ebrea Mara Ancona (deportata e morta  nel lager di Bergen Belsen nel 1945), con la prefazione dello storico, scrittore ed ex-comandante partigiano (ma anche personaggio evocato nel libro) Mario Giovana.

Qualche settimana fa è uscito per i tipi della Helicon (Arezzo) il suo LA FANTASCIENZA, una risposta della fantasia ai misteri dell’universo tratto dal suo lungo lavoro di ricerca per quella che negli anni Settanta è stata la prima trasmissione radiofonica sceneggiata messa in onda dalla RAI (Compagnia di prosa di Radio Firenze) sulla storia della fantascienza che secondo l’autrice nasce già ampiamente con la mitologia greca.

Maria Valenti Ronco

OBIETTIVI

Per un giornalismo europeo di qualità

ClubMediaItalie è un'associazione fondata nel 2005 dal giornalista Paolo Alberto Valenti. L'associazione, a vocazione europea, riunisce i giornalisti italiani che lavorano nei paesi francofoni europei e i giornalisti di lingua francese attivi non solo in Italia.

La vocazione europea

ClubMediaItalie è presente in Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo, Principato di Monaco e in Italia. Legata all’Ordine dei Giornalisti italiano l’associazione rappresenta in ambito francofono la FNSI, il sindacato unitario del giornalisti italiani e distribuisce fra i suoi aderenti la tessera FNSI oltre a disporre di convenzioni con la francese SNJ e la IFJ.

L'associazione è aperta a tutta la stampa, tutti i media e coloro che fanno comunicazione. E 'nata come un punto di riferimento per i corrispondenti italiani e francesi sulla base di un doppio riconoscimento della professionalità del corrispondente e a difesa dell’informazione di qualità.

Si smarca dai luoghi comuni e dalle informazioni spesso superficiali che non tengono conto delle realtà di ciascun paese o delle più ampie questioni europee e della relativa posta in gioco.

P.A. Valenti, discorso Parigi 2015

Libia, Anatomia di un crimine

Ecco la storia di un film che non avrebbe dovuto esistere. Dalla caduta di Gheddafi, il dittatore del deserto, la Libia è una polveriera. Finito il vecchio regime ecco due stati che si fanno la guerra. Centinaia di milizie armate rapiscono, ricattano, torturano e violentano.

Leggi tutto...

Edito

  • Sassi dal cavalca odio

    Ferragosto 2019, vento di elezioni. Paolo mi chiede di scrivere un pezzo su … Con questo caldo? Paolo, per favore; parliamo d’altro. Il taglio del numero dei parlamentari, per esempio. A cosa serve? Anche se rimanessero solo 12 parlamentari incluso il

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5